giovedì 17 aprile 2014

4a tappa Blog tour Reborn: estratto e booktrailer!!!



Buon pomeriggio a tutti, eccomi con una nuova tappa di un nuovo blog tour, quello di Reborn di Miriam Mastrovito!!
Nel post precedente ne avevo fatto la segnalazione!!
La tappa ospitata da Toccare il cielo con un libro consiste in un estratto e nel booktrailer del libro.
Quindi, ecco qui!!!

 ESTRATTO

Fu il rumore della pioggia a destarla prima ancora che suonasse la sveglia. Elga si stropicciò gli occhi con indolenza. Le tempie le pulsavano, si sentiva stanca come se non avesse riposato affatto.
Il cielo plumbeo e quell’odioso ticchettio sui vetri non promettevano nulla di buono, non a lei che detestava le giornate piovose.
Barcollando scese le scale e si diresse in cucina. Un caffè caldo e un’aspirina l’avrebbero aiutata a carburare. Non realizzò subito di non essere sola. In un primo momento, la penombra in cui era immersa la stanza fece sì che l’oscura sagoma si confondesse nel gioco d’ombre alimentato dalle bambole, assiepate ovunque. Mentre cercava il tasto dell’interruttore, si udì un fragore potentissimo e un lampo illuminò l’ambiente. Fu allora che la vide.
Una bambina sedeva alla sua tavola ed era intenta a mangiare avidamente la sua torta.
Non si scompose vedendola entrare, si limitò a sollevare il viso, era tutto sporco di cioccolata. Sorrise con la bocca piena fissandola con un paio di occhi blu.
Elga rimase come impietrita, batté le palpebre confusa quasi che il gesto potesse cancellare quella visione onirica. Perché solo di questo poteva trattarsi… accese la luce, aprì e chiuse gli occhi ripetutamente ma la bimba restò lì. Poteva avere dieci anni, tanti quanti ne contavano le candeline. Non fosse stato per i capelli lisci e neri, per le iridi di un altro colore, per la magrezza delle braccia…
Scosse la testa con violenza nel tentativo di scacciare quel pensiero folle.
«Come hai fatto a entrare?» chiese invece dando voce alla supposizione più logica.
Lei le rivolse un’occhiata interrogativa.
«Chi sei e cosa ci fai in casa mia?» rilanciò la donna balbettando.
L’ostinato silenzio dell’altra la inquietò e la indispettì allo stesso tempo. «Non mi hai sentita? Perché non mi rispondi? Il gatto ti ha mangiato la lin…»
«Mammina…» la risposta fluì simile a un’implorazione dalle sue labbra mentre gli occhi le si gonfiavano di lacrime.
«No.» Elga fu scossa da un tremito. «No» ripeté scuotendo il capo sempre più forte.
La piccola si alzò dalla  sedia visibilmente turbata. «Mamma stai bene?» chiese andandole incontro.
Istintivamente lei si ritrasse, si appiattì contro la parete intenzionata a evitare qualsiasi contatto. «Non chiamarmi mamma» intimò. Non aveva idea di cosa diavolo stesse accadendo ma allo stupore iniziale si stava sostituendo un senso di rabbia misto a paura strisciante. «Io non sono tua madre.»
A quell’affermazione la bambina scoppiò in singhiozzi. «Perché fai così? Mammina…» incurante di qualsiasi avvertimento si lanciò sulla donna, la strinse in un abbraccio striandole il pigiama di scuro.
Elga saltò come colpita da una scossa elettrica. Chiunque fosse quella sconosciuta, era una persona in carne e ossa. Percepì con chiarezza  la consistenza del suo corpo e anche la forza della sua stretta, inimmaginabile vista l’esilità del fisico. Si allontanò decisa a mantenere le distanze. «Non toccarmi» l’ammonì. Trasse un lungo respiro, poi aggiunse: «Adesso per piacere dimmi chi sei e cosa ci fai qui.»
«Rea. Sono tua figlia, non mi riconosci?» il suo tono carico di sconcerto e preoccupazione.
«Rea?» la donna ripeté quel nome con lentezza, come si trattasse di una parola aliena. «Ok, se è uno scherzo sappi che non mi piace per niente. Mia figlia è morta e io non conosco nessuna Rea.»
«Perché dici così? Mi stai facendo paura mamma!» mugolò la piccola.
La sua angoscia era tanto credibile che avrebbe meritato un Oscar se fosse stata frutto di una recita. Eppure non poteva essere altrimenti. Evidentemente qualcuno aveva orchestrato quella messinscena per farsi beffe di lei. Chi e a quale scopo Elga  non avrebbe saputo dirlo, ma non riusciva a immaginare altre spiegazioni possibili per quel che stava accadendo e, man mano che quella convinzione si faceva strada nella sua testa, la collera cresceva.
«Risposta sbagliata. Chi ti manda non ti ha istruita bene. Mia figlia si chiamava Martina.»
«Sono io tua figlia…»
«Adesso basta!» Elga la afferrò per un polso e la trascinò con sé verso la mensola del camino. Era piena di bambole come qualsiasi ripiano in quella casa, ma tra l’una e l’altra spiccavano un paio di portafoto in legno. Ne agguantò uno a caso e lo porse all’intrusa.
«Lei è Martina. È l’unica figlia che abbia mai avuto e non ti somiglia per niente.»
Prima di prenderlo la bambina si pulì le mani sull’abitino bianco che indossava, osservò la fotografia per qualche minuto senza fiatare, poi la restituì voltandola in modo che anche l’altra la vedesse.
L’immagine la colpì con la violenza di uno schiaffo. Martina era seduta nel suo laboratorio, sembrava una bambola tra le bambole, e sorrideva proprio come nella vecchia foto su cui Elga aveva pianto un milione di volte, solo che… non era lei. La persona immortalata dallo scatto era identica all’estranea che aveva di fronte. […] (brano tratto da Reborn)


BOOKTRAILER


Come vi sono sembrati? Interessanti?
Vi riporto il calendario delle tappe e ricordo che c'è un giveaway in corso: i premi saranno una copia cartacea del romanzo e due ebook!!
Commentando le tappe verrete inseriti nell'estrazione finale!!!


IL CALENDARIO



Spero abbiate trovato il post interessante!!!
A presto con la recensione di Rebel Belle ed un piccolo post più o meno random!!!!

7 commenti:

  1. ho perso una tappa... ma il romanzo è sempre più avvincente e avvinghiante

    RispondiElimina
  2. Molto bello il passo (interessante) e bellissimo il booktrailer. Spero tanto di essere la fortunata a vincere la copia cartacea del libro...

    RispondiElimina
  3. stefania mognato17 aprile 2014 22:48

    Sono riuscita a collegarmi non riesco a mettere il mio nome ma e stefania mognato booktrailer bellissmo spero di riuscire a vincere ciao e buona fortuna a tutti

    RispondiElimina
  4. stefania mognat17 aprile 2014 22:51

    Sono contenta ho messo anche il nome e il romanzo e sempre più avvincente e considerando la mia passione x i gotici sono sempre più intrigata

    RispondiElimina
  5. meraviglioso l'estratto e davvero super il booktrailer, ho conosciuto antonio renna su fb, davvero complimentissimi per la sua bravura anche nei video!! :)

    RispondiElimina
  6. Sono molto felice che vi stia piacendo il libro e che abbiate apprezzato l'estratto ed il booktrailer!!!

    RispondiElimina
  7. Oddio così mi uccidete! :) devo sapereeeee!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...